La Mouraria

La Mouraria è un labirinto di stradine, piazzette e scalinate ripide. L’antico ghetto medievale, dove furono confinati i musulmani. Unico quartiere sopravvissuto al terremoto del 1755. Il cuore multietnico di Lisbona che dopo le lotte di liberazione accolse immigrati provenienti dalle ex colonie africane: Angola, Capo Verde, Mozambico, São Tome e Guinea Bissau.

Ci incontriamo nel primo pomeriggio davanti alla cattedrale del Sé con Liliana, una blogger napoletana residente da 13 anni nella capitale portoghese, nel suo sito si trovano quotidianamente aggiornamenti su eventi, aperture, locali, mostre, indirizzi, incontri e festival tra i più interessanti in città. Utile per chi vive a Lisbona, anche se solo per qualche giorno, da turista, come nel nostro caso, o per chiunque volesse programmare un viaggio.
Se incontrare un’amica che vi scorrazzi per i quartieri di Lisbona , tutta per voi, è ciò che cercate, insieme scoprirete quei dettagli che solitamente non si leggono nelle guide turistiche ma si rivelano preziosi tesori da ricordare.

Cattedrale del Sé
lisbona: Cattedrale del Sé

Lisbona sembra un libro di racconti, in cui ognuno spicca per tipicità. Così alcuni quartieri rievocano scorci di realtà lontane e diverse tra loro.

Si respirano atmosfere parigine passeggiando nel piccolo ed elegante CHIADO, su marciapiedi di basalto e pietra calcarea, si ritrova la veracità graffiante napoletana nella MOURARIA, l’industrial style newyorkese alla LX Factory, poco lontano dalla Torre di Belém, o il benessere economico nei ristoranti di classe e nelle boutiques dei viali dedicati alle grandi firme della moda”

Un arco quasi nascosto, pochi gradini ed una porticina chiusa, senza insegna, la libreria più piccola del mondo, introduce in una realtà parallela.

Lisbona
Lisbona: la libreria più piccola del mondo
Lisbona
Lisbona: la libreria più piccola del mondo

Dai palazzi settecenteschi che risplendono al sole di settembre, entriamo in un susseguirsi di vicoletti ripidi e stretti, tra edifici bassi, scassati e addossati fra loro senza una logica apparente. I panni stesi, quasi a sfiorarli.

E’ un attimo immaginare la donnina che trascorre le sue giornate alla finestra a curiosare maliziosa, con occhio di falco, a scambiare chiacchiere con le comari di passaggio o ad inveire chissà quali improperi al marito alticcio e alle giovani di facili costumi, ammiccanti e appariscenti.
Tutto il mondo è paese!

Mouraria
Scorcio della Mouraria
Mouraria
Scorcio della Mouraria
Mouraria
Mouraria: atmosfera tipica tra Street Arte e panni stesi al sole

Oggi questo quartiere, il concentrato di un piccolo universo, vive una nuova crescita di vivacità contemporanea tra arte, artigianato e multirazzialità.
Dopo anni di degrado e spaccio, di ovvio isolamento e turismo assente, è facile leggerne il racconto nelle opere di Street Art che colorano muri e facciate, impregnando di personalità la storia recente. Commissionate dal M.A.S.C. (Movimento Os Amigos de São Cristóvão) nel 2012, con l’intento di richiamare l’attenzione di locals e turisti su quest’area, da troppo tempo stigmatizzata e marginalizzata.

Mouraria e Street art
Mouraria: Street Art
Mouraria: Street Art
Mouraria: Street Art
Mouraria: Street Art
Mouraria: Street Art

Molti fondi, una volta realtà artigiane o piccoli negozi, oggi sono stati convertiti in gallerie espositive o veri e propri atelier di artisti che, nella ricchezza di contrasti della Mouraria, trovano un’atmosfera fertile alla creatività, alla sensibilità, all’arte.

Mouraria: atelier di artista
Mouraria: atelier di artista
Mouraria: atelier di artista
Mouraria: atelier di artista

CAMILLA WATSON

L’opera della fotografa britannica, Camilla Watson, in esposizione permanente en plain air, tra le case, commuove e allo stesso tempo rapisce. E’ simbolo di convivenza costruttiva, accoglienza, rispetto e crescita, in onore e a dispetto della storia di questi vicoli.
Introdotti dai racconti di Liliana e sulle note malinconiche del fado “Mouraria ” di Amalia Rodrigues, ci lasciamo silenziosamente pervadere dall’emozione che le persone ritratte, davanti alle proprie case o sullo sfondo di scorci che ne custodiscono i ricordi di gioventù, trasmettono nella semplicità di uno sguardo o di un sorriso forse imbarazzato.
Sono gli ex ragazzi del quartiere ai quali, simbolicamente, la Watson dedica il suo tributo, nel luogo che l’ha accolta facendola sentire a casa. Per me, di incredibile dolcezza…

Mouraria: Camilla Watson
Camilla Watson: tributo alla Mouraria
Mouraria: Camilla Watson
Camilla Watson: tributo alla Mouraria
Mouraria: Camilla Watson
Camilla Watson: tributo alla Mouraria
Mouraria: Camilla Watson
Camilla Watson: tributo alla Mouraria
Mouraria: Camilla Watson
Camilla Watson: tributo alla Mouraria

Mi chiedo per quanto tempo ancora questo scorcio di Lisbona, autentico e peculiare, si manterrà tale. Per quanto, ancora, sarà la finestra da cui sporgersi per ammirare i colori del passato senza che il benessere, l’ordine, il decoro e le tendenze più cool la trasformino in qualcosa di bello ma con un’anima vagamente sbiadita.

La Mouraria con Liliana, la mia guida "local"
La Mouraria con Liliana, la mia guida “local”

Grazie Liliana 😉